Quella sofferenza chiamata depressione

Depressione: come si manifesta

Oggigiorno può capitare di sentire, sia tra i conoscenti che talvolta anche in noi stessi, un umore ‘basso’ -detto appunto ‘depressione’- caratterizzato da apatia e disinteresse per le persone intorno a noi o per le attività che normalmente svolgiamo; cose e persone che fino a quel momento erano fonte di gioia o di stimolo ci appaiono prive di piacere e significato. Sorge quindi la tendenza a chiuderci in noi stessi, a non avere quella spinta vitale che ci fa alzare con energia dal letto e affrontare la giornata. Questo stato di depressione è spesso accompagnato da sentimenti di impotenza, pessimismo, o anche di colpa, inadeguatezza, perfino di disperazione.

Depressione episodica, o reattiva

La depressione quindi può essere episodica, e in tal caso potrebbe essere collegata a situazioni, fatti o periodi puntuali: la perdita di una persona cara o di un legame significativo, il cambio o perdita di un lavoro, il trasferimento o trasloco da una casa a cui si è legati; tutte queste situazioni comportano un distacco, un allontanarsi da un qualcosa di storicamente importante, e quindi un fare i conti con la perdita di punti di riferimento. Per questo motivo si parla di ‘elaborazione del lutto’ e di possibili sentimenti di tristezza anche quando il cambiamento è sulla carta positivo.
In questi casi si parla di depressione ‘reattiva’, che può essere affrontata e attraversata talvolta con una tempistica fisiologica di elaborazione della situazione in questione, talvolta tramite una psicoterapia,  qualora il vissuto sia particolarmente sofferto, persistente o abbia delle ricadute sul benessere globale.

Depressione come condizione persistente

Sotto il nome depressione si parla anche di una condizione persistente di tristezza, con vissuti di allarme (ansia) oppure di angoscia e vuoto; in questi casi il quadro emotivo negativo è più strutturato, resistente e si possono sperimentare anche un calo di energia, affaticamento, una sensazione di rallentamento, così come si possono provare irritabilità, irrequietezza, difficoltà di concentrazione e di memoria, e fatica a prendere decisioni; infine durante un episodio di depressione si possono avere pensieri di suicidio.

Disagi collegati alla depressione

Chi vive una depressione può avere problemi a dormire, che spaziano dall’insonnia all’ipersonnia, ai risvegli precoci. E si possono sperimentare anche disagi collegati al comportamento alimentare, ad esempio perdita di peso o aumento ponderale, conseguenti a un cambio di appetito. A livello somatico, soffrire di depressione può comportare molti sintomi tra cui dolore cronico, mal di testa, problemi digestivi.
La psicoterapia può  rappresentare un’opportunità nell’aiutare la persona a fare un bilancio esistenziale rispetto al passato, comprendere il presente e progettare un futuro.